Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/08/18 ore

Maledetta Politica - Aspettando un Governo, a che punto è la crisi politica



Siamo forse – forse - a una svolta. Il teatrino post-elettorale, dopo due mesi di inutili siparietti, aspetta le mosse di Sergio Mattarella, atteso alla prova da “vero Presidente della Repubblica”. 

 

Gli ultimi giorni hanno visto il ritorno da protagonista, nel bene e nel male, del Partito Democratico.

 

Come sempre deprimenti, le ultime vicende confermano una volta di più le analisi fatte anche su queste pagine, sugli eredi di Pci e sinistra democristiana.

 

Geppi Rippa, sollecitato da Antonio Marulo in Maledetta Politica, parte da qui, per fare il punto generale sulla drammatica e interminabile crisi della politica italiana.

 


 

- Maledetta Politica - Aspettando un Governo, a che punto è la crisi politica (Agenzia Radicale Video)

 

 


Commenti   

 
+1 #3 Giuliano 2018-05-07 21:43
C'è debito e debito. A differenza di altri l'Italia ha consegnato quasi un terzo di esso a banche (e quindi agli Stati) dell'estero. Questo ci rende assolutamente fragili nel contesto. Quanto allo stare nell'era del monetarismo liberista ci andrei cauto. In realtà il globalismo digitale, le nuove sorelle impersonate dalle felpe californiane (Apple e compagnia) esprimono un mondo improntato all'annullament o dell'individuo, all'abolizione della proprietà privata in nome dello sharing e della vita a noleggio (vedi il guru Rifkin), in definitiva una società orwelliana che al posto del grande fratello espresso dal partito unico vede al comando una nomenklatura di ceo di multinazionali per di più ubriachi di banalità politically correct che con il liberalismo ha ben poco a vedere. In definitiva è un comunismo riciclato
Citazione
 
 
-1 #2 ilSocialsta 2018-05-06 04:26
in tutti questi paesi il debito è UNA INVENZIONE ED UN PORTATO DEL MONETARISMO ed uscirne è per molti versi impossibile finche il sistema sarà in vigore; il debito è sempre esistito nella Storia, ma solo ora ci se lo tira appresso per decenni o per secoli senza sostanzialmente poterne mai uscire semplicmemente perchè il debito è UNA CARATTERISTICA COSTANTE E STRUTTURALE DEL SISTEMA ECONOMICO ATTUALE; lo stesso Trump sta facendo le sue riforme tirando ancora avanti il barattolo e facendo ancora più debito; tra l'altro il debito non è estraneo neppure alla logica delle migrazioni come dimostrato da Ilaria Blefarini http://ilariabifarini.com/debito-pubblico-e-migrazioni/
Citazione
 
 
-1 #1 ilSocialsta 2018-05-06 04:16
Rippa ripete sempre i soliti concetti che rischiano di apparire, quelli si muffiti e premoderni; si vede che sta ancora col cervello agli anni 70; c'ha la fissa del PCI e dell'URSS e dà tutte le colpe a loro senza vedere che sono crepati da un pezzo e siamo in un altro secolo; e siamo in piena era monetarista-lib erista; ; oddio, è vero che ogni paese ha un filo storico ininterotto; io per esempio ci vedo tanto nella crisi odierna il disordine caotico dell'Italia medievale; però non darei mai le colpe odierne a farinata degli uterti o ghino di tacco; il debito pubblico italiano, a partre alcune caratteristiche italiche, è più o meno quello degli altri paesi sviluppati, USA compresa
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna